NICARAGUA
© Roberto Breschi
Sommario. Nel 1838, il Nicaragua, già facente parte della federazione centroamericana, diventò indipendente. Seguirono anni di instabilità politica durante i quali si alternarono regimi di diverso segno. Il XX secolo fu caratterizzato dalla lunga dittatura della famiglia Somoza (1936-1979). La rivoluzione sandinista nel 1979 pose fine alla dittatura e introdusse un regime socialista durato sino alle elezioni del 1990.


Repubblica del Nicaragua, República de Nicaragua, 1838-1854 e da c. 1857







Bandiera di stato (nacional) e da guerra, adottata nel 1838 e mai cambiata, salvo un’interruzione di tre o quattro anni (1854-c. 1857). Una legge del 5 settembre 1908 sancisce la sua forma e ne stabilisce l’uso anche come insegna mercantile, precedentemente usata senza alcun emblema. Ciò nonostante, anche dopo il 1908 fu alzata pulita e solo verso il 1940 comparve con lo stemma. Dal 27 agosto 1971 la versione senza stemma è anche bandiera nazionale. La tinta è propriamente definita “azzurro cielo”. Proporzioni attuali 3/5. Il Nicaragua, divenuto indipendente, mantenne in pratica la bandiera delle Federazione centroamericana appena disciolta, compreso l’emblema nella versione rotonda, differente solo per l’iscrizione con il nome del paese.


Repubblica del Nicaragua, República de Nicaragua, 1854-c. 1857







Bandiera di stato e dalla marina da guerra, adottata il 21 aprile 1854 e durata non più di tre o quattro anni. È singolarmente assente l’azzurro, il principale colore dell’America Centrale, sostituito dal giallo e da una tinta di problematica riproduzione definita “madreperla” (di solito era sostituita dal rosa o dal rosso). Al centro, entro un disco circondato da una scritta col nome dello stato, era rappresentato, tra rami di alloro, il Momotombo, il vulcano dominante il lago di Managua; sovrastava la montagna una corona a cerchio su cui si poteva leggere Libertad orden trabajo. L’insegna mercantile, adottata insieme alla versione di stato, aveva le stesse scialbe tinte; ma sulla striscia centrale bianca, al posto dell’emblema, c’era la scritta República de Nicaragua in oro.


Repubblica del Nicaragua, República de Nicaragua, 1979-1990



Bandiera nazionale introdotta con l’avvento al potere dei sandinisti, il 17 luglio 1979 e abolita dopo le elezioni del 1990. Proporzioni 3/5. Derivata dall’insegna del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale, la quale aveva in più la sigla in bianco FSLN; i colori erano quelli usati dall’eroe e martire nazionale César Augusto Sandino a partire dal 1927. Fu usata come seconda bandiera nazionale.


ALTRE BANDIERE

Bandiera della capitale

>
CENTRO AMERICA

> MOSQUITIA
> POYAIS

Bibliografia
F. Espinosa, Simbolos patrios de las naciones de Centroamerica, 1962 - Flagmaster 21, 1977 - Flag Bull., 101, 1983 - Archivio CISV, scheda 131


> Indice America >              >> Indice generale >>





CENTRO AMERICA
© Roberto Breschi
Sommario. La Repubblica dell’America Centrale fu un effimero stato (1956-57) costituito intorno alla città nicaraguense di León da William Walker, un avventuriero appoggiato da finanzieri americani che avevano interessi nella regione, reduce da una analoga avventura in Bassa California.


Repubblica del Centro America, República de Centro-America, 1856-1857



Bandiera nazionale dell’effimera repubblica proclamata nel 1856. Repubblica e bandiera ebbero fine nel maggio 1857. Era una versione modificata della nota bandiera centroamericana, con la striscia centrale larga il doppio delle altre e con l’aggiunta della grande stella rossa.


> NICARAGUA

Bibliografia
Flagmaster 25, 1978 - Archivio CISV, scheda 131/3ter







MOSQUITIA
© Roberto Breschi
Sommario. La Mosquitia è la striscia costiera del Nicaragua affacciata sul mar delle Antille. Essa era abitata da indios miskito che per oltre due secoli costituirono un regno indipendente. Grazie alle frequenti visite di corsari e avventurieri britannici, i miskito avevano stabilito ottimi rapporti col Regno Unito tanto che fino al 1825 ne usarono la bandiera. La storia di questo stato e delle sue bandiere finì nel 1895 quando il Nicaragua, con l’appoggio degli Stati Uniti, lo occupò con le armi, riducendolo a semplice dipartimento, con il nuovo nome di Zelaya.


Regno dei Miskito, Costa dei Miskito, Miskito Kingdom, Miskito Coast, 1824-c. 1852


Bandiera nazionale adottata l’8 marzo 1824; nel 1853 (Steenbergen) risulta già modificata. L’Union Jack nel cantone attestava l’amicizia dei miskito con il Regno Unito. Le strisce bianche e azzurro chiaro erano tratte probabilmente alla bandiera delle Province Unite dell’America Centrale.


Regno dei Miskito, Costa dei Miskito, Miskito Kingdom, Miskito Coast, c. 1852-1881


Bandiera nazionale nella forma attestata nel 1853 e modificata nel 1881, quando il regno, indipendente da oltre due secoli, fu ridotto ad un territorio riservato agli indios miskito, ma sotto la sovranità del Nicaragua. La bandiera ha lo stesso significato della precedente, ma il numero delle strisce è raddoppiato. Si ignora se e a che cosa tale numero corrisponda.


Costa dei Miskito, Miskito Coast, Costa de los Mosquitos, 1881-1895



Bandiera nazionale nota dal 2 luglio 1881 e scomparsa il 25 febbraio 1895, in seguito all’invasione da parte del Nicaragua e alla riduzione a semplice dipartimento (con il nuovo nome di Zelaya) di quella repubblica. Proporzioni 1/2. Fu in pratica mantenuto lo schema delle precedenti bandiere, ma con dieci strisce e, nel cantone, la bandiera nicaraguense recante un emblema in rosso.



ALTRE BANDIERE

Stendardo reale

>
NICARAGUA

Bibliografia
Flag Bull., XVIII,2, 1979 - Archivio CISV, scheda 131/4


> Indice America >              >> Indice generale >>





POYAIS
© Roberto Breschi
Sommario. Nell’ambito dei rapporti tra i miskito e i britannici, s’inquadra la sfortunata impresa dell’avventuriero scozzese, Gregor MacGregor (già noto per un simile tentativo sull’isola di Amelia in Florida). Nel 1820 egli riuscì ad ottenere dai miskito un desolato tratto di costa, ove intese creare un principato ideale. Molti di coloro che lo seguirono nell’avventura, purtroppo non sopravvissero alle condizioni proibitive del luogo e tutto presto finì.


Principato di Poyais, Principality of Poyais, 1820- ?



Bandiera di stato, adottata nel 1820 e da lì a poco scomparsa. Tra gli attributi esteriori dello stato che l’avventuriero scozzese MacGregor voleva costituire sulla costa dei miskito (decorazioni, onorificenze e simboli vari) c’era anche questa bandiera. Il verde era il colore preferito di MacGregor e la croce di tale colore era evidentemente il suo "marchio di fabbrica" che già era apparso sulla "sua" isola di Amelia. La croce di sant’Andrea, ricordava forse il suo luogo d’origine, la Scozia.
 


> NICARAGUA

Bibliografia
Flagmaster, 25, 1978