DISTRITO FEDERAL
© Roberto Breschi
Sommario. Verso il 1908 fu creato un Distretto Federale per gli Stati Uniti del Brasile attorno alla capitale federale Rio de Janeiro. Nel 1960 la capitale fu trasferita a Brasilia, nello stato di Goiás, e istituito un nuovo Distretto Federale, mentre il territorio del vecchio  fu trasformato nello stato di Guanabara.


Distretto Federale (Rio de Janeiro), 1908-1960





Bandiera del Distretto Federale decretata l'8 luglio 1908 e in vigore fino al 1960, allorché la capitale fu spostata a Brasilia e il distretto trasformato nel nuovo stato di Guanabara. Proporzioni 7/10. Colori portoghesi e di Rio de Janeiro. Lo stemma, tutto in rosso, aveva la forma di un veliero visto da prua affiancato da due mostri marini e fronde di alloro. Sulla vela una sfera armillare con con un berretto frigio e tre frecce, che ricordavano il martirio di san Sebastiano, patrono della città di Rio. Con disegno e colori dello stemma modificati sarebbe diventata la bandiera dello stato di Guanabara.


Distretto Federale (Brasilia), dal 1969


Bandiera adottata il 7 settembre 1969 per il Distretto Federale costituito nel 1960 intorno alla nuova capitale Brasilia. Proporzioni 13/18. Al centro, una rappresentazione simbolica della funzione centrale e coordinatrice della capitale.


> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
Archivio CISV, schedario generale - Opere a carattere generale







GUANABARA
© Roberto Breschi
Sommario. Lo stato di Guanabara, che prende il nome dalla baia su cui sorge Rio de Janeiro, fu creato nel 1960 sul territorio del vecchio Distretto Federale e cessò di esistere nel 1975 quando confluì nello stato di Rio de Janeiro.


Estado de Guanabara, 1960-1975





Bandiera adottata nel 1960 e abolita nel 1975 insieme allo stato. Proporzioni 7/10. Strettamente imparentata con quella del vecchio distretto: stesso drappo e stessa sfera armillare sullo stemma, ma in campo azzurro e con berretto frigio con coccarda verde-bianca accollato; scudo sostenuto da due mostri marini con fronde di quercia e alloro e sormontato da una corona turrita con stella. Oggi, senza la stella, questa è la bandiera della città di Rio.
 

> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
Archivio CISV, schedario generale







RIO DE JANEIRO
© Roberto Breschi
Sommario. Lo stato di Rio de Janeiro, uno dei 20 originari, ebbe come capitale dal 1908 al 1975 la città di Niteroi di fronte a Rio, oltre la baia di Guanabara. Trasferito a Brasilia il Distretto Federale e abolito nel 1975 lo stato di Guanabara, la capitale tornò a essere Rio. Amerigo Vespucci, che scoprì questi luoghi il primo gennaio del 1502, li battezzò Rio de Janeiro, che significa “Fiume di Gennaio” scambiando la baia per la foce di un fiume.


Estado de Rio de Janeiro, dal 1947





Bandiera di stato adottata nel 1947 e confermata nella forma attuale con legge del 5 ottobre 1965, ma probabilmente già in uso anche prima del 1937. Proporzioni 7/10. Drappo inquartato nei colori di Rio. Al centro le armi di stato adottate nel 1892. Lo scudo ovale, affiancato da rami di canna da zucchero e caffè, mostra una veduta della baia di Guanabara, come dovette apparire ad Amerigo Vespucci che scoprì quei luoghi il primo gennaio 1502; sullo sfondo, il profilo della Serra de Órgãos. Un'aquila bianca, simbolo di forza e fiducia, regge un globo azzurro con la scritta 9 abril 1892 e con intorno il motto Recte rempublicam gerere. La stella in alto rappresenta lo stato.


> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
Archivio CISV, schedario generale - Opere a carattere generale







SANTA  CATARINA
© Roberto Breschi
Sommario. Al tempo dell’impero, la provincia catarinense fu occupata dai repubblicani riograndesi che dichiararono la repubblica indipendente nella città di Laguna, nel luglio 1839, da cui il nome di República Juliana. Protagonista di rilievo della vicenda fu Garibaldi. Verso la fine del 1840 i monarchici ripresero in mano la situazione. Nel 1889, con la fine dell’impero, la provincia diventò uno stato federato.


Repubblica di Santa Catarina, Republica Juliana de Santa Catarina, 1839-1840



Bandiera della repubblica proclamata il 29 luglio 1839. Durò fino al 15 novembre 1840 quando i monarchici ebbero di nuovo la meglio. Colori brasiliani su un tricolore repubblicano.


Estado de Santa Catarina, 1895-1937


Bandiera di stato, adottata il 15 agosto 1895, praticamente scomparsa verso il 1922 e del tutto abolita il 10 novembre 1937. È riportata (Fachinger) una versione diversa, con solo 21 stelle rosse in una losanga bianca, quasi sicuramente errata. Le strisce rosse e bianche rappresentano i distretti (comarcas) e le stelle entro la losanga le municipalità.


Estado de Santa Catarina, dal 1953





Bandiera di stato adottata il 23 ottobre 1953. Proporzioni 3/4. Le 15 strisce bianche e rosse della vecchia bandiera sono qui ridotte a tre ed è ancora presente la losanga verde, che ora contiene l’emblema di stato. Quest'ultimo, adottato nel 1889, comprende una grande stella con la punta superiore coperta da un berretto frigio repubblicano, un'aquila recante sul petto la data della fondazione dello stato (17 de novembro 1889), spighe di frumento (trigo) e un ramo di caffé legati da un nastro rosso con il nome dello stato.


> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
C. Ribeiro, Brazões e bandeiras do Brasil, 1933 - Flagscan, 55, 1999 - Archivio CISV, schedario generale - Opere a carattere generale







ESPÍRITO SANTO
© Roberto Breschi
Sommario. Espírito Santo, a nord di Rio de Janeiro, fu capitanía a sé stante dal 1799 e provincia dell’impero dal 1824 al 1889, quando divenne stato federato.


Estado do Espírito Santo, 1908-1937


Bandiera di stato adottata nel 1908 e soppressa dalla costituzione del 10 novembre 1937, che proibiva i simboli degli stati. Derivata da un’insegna in uso nel XIX secolo per le navi registrate nello stato (di solito questo tipo di insegna aveva una forma molto allungata, circa 6/1).


Estado do Espírito Santo, dal 1947


Bandiera di stato adottata il 24 luglio 1947. Proporzioni 7/10. I colori sono quelli della veste della Madonna del monte Penha, patrona dell’omonimo convento che sovrasta l’ingresso della baia di Vittoria, capitale dello stato; simboleggiano anche la pace, l’armonia e la gioia. Il motto significa “lavora e abbi fede”.


> TRINDADE
> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
Flag Bull., XVI:4, 1977







TRINDADE
© Roberto Breschi
Sommario. Nel 1887 l’isola atlantica disabitata di Trindade, che oggi fa parte di Espírito Santo, fu visitata da un mercante irlandese, J.A. Harden-Hickey, il quale nel 1894, per sfruttare i depositi di guano, ne fece un principato. L’anno successivo, coinvolto nella contesa anglo-brasiliana per la sovranità sull’isola, il “principe” fu cacciato e nel 1898 il Brasile riprese il controllo di Trindade.


Principato di Trindade, Principality of Trindade, 1894-1895



Bandiera dell’isola atlantica di Trindade ai tempi del principato (1894-95), disegnata dallo stesso James I (come si faceva chiamare Harden). Nota solo da descrizioni, era rossa con un triangolo giallo, di cui non è precisata la posizione. Il modello riportato è quello più probabile.


> ESPÍRITO SANTO
> STATI BRASILIANI (Indice)

Bibliografia
Vexillinfo, 22, 1982 e 102, 1988 - Flag Bull., 133, 1990