EGITTO - Bandiere di Capo di Stato

© Roberto Breschi

Regno d'Egitto, Misr, Al-Mamlaka i'-Masriya, 1923-1952




[ ingrandimento ]

Stendardo reale per l'uso di mare, introdotto nel 1923 e abolito nel 1952 con la caduta della monarchia. Dichiaratamente ispirato a quello del re d'Italia in uso tra il 1880 e il 1946, lo stendardo era quadrato, azzurro, con lo stemma reale al centro e quattro corone reali negli angoli. Lo stemma era circondato dal collare di suprema classe dell'Ordine di Muhammad Alì che era ripetuto anche intorno allo scudo rotondo centrale. L'Ordine fu istituito nel 1915 dal sultano Hussein Kamil e abolito nel 1954; nell'arco di questo tempo il collare di suprema classe fu conferito a non più di quindici persone che potevano assumere il titolo di "pascià".



Stendardo reale alzato sulla terraferma, adottato nel 1923 e abolito nel 1952. Corrispondeva alla bandiera nazionale con la corona reale nel cantone. Re Faruk (1936-1952) aveva anche altri stendardi personali per determinate occasioni (ad es. quando si trovava in volo).



Repubblica Araba Unita, RAU, Misr, Al-Jamhuriya al-'Arabiya al-Muttahida, 1958-1971







Nel periodo della Repubblica Araba Unita, tra il 1958 e il 1971, sono due le bandiere descritte per il presidente Nasser (1954-1970). Per l'uso marittimo, uno stendardo azzurro quadrato o in proporzioni 2/3, con al centro l'aquila del Saladino, l'emblema nazionale adottato nel 1958, circondata da un ormamento celeste e oro e quattro ancore nei cantoni. Sulla terraferma il presidente usava la bandiera di stato con l'aquila del Saladino sulla striscia rossa, vicino all'asta.



Repubblica Araba d'Egitto, Misr, Al-Jamhuriya Misr al-'Arabiya, dal 1972



1972-1984

Tra il 1972 e il 1984, durante la presidenza di Sadat (1970-1981) e il primo periodo di quella di Mubarak, lo stendardo del Capo dello Stato era il tricolore nazionale con il falco di Quraish, il nuovo emblema introdotto nel 1972, anche sulla striscia rossa vicino all'asta.


dal 1984

Il 4 ottobre 1984 fu reintrodotta al centro della bandiera nazionale l'aquila del Saladino nella versione senza le due stelle. Da tale data lo stendardo presidenziale reca una seconda aquila in oro e argento nel cantone all'interno della striscia rossa.



Bibliografia
Opere a carattere generale


< ritorno a Egitto <