POLONIA - Bandiere presidenziali

© Roberto Breschi

Repubblica di Polonia, Polska, Rzeczpospolita Polska, 1919-1928



Stendardo del presidente della repubblica stabilito il 1° agosto 1919, in uso effettivo dal 1920. Modificato il 27 marzo 1928 in virtù di un decreto presidenziale del 27 dicembre 1927. Proporzioni 2/8. L'aquila polacca, con becco, zampe e corona gialli era quella dello stemma nazionale introdotto anch'esso il 1° agosto 1919.


Repubblica di Polonia, Polska, Rzeczpospolita Polska, 1928-1939 e dal 1993
Repubblica Popolare Polacca, Polska Rzeczpospolita Ludowa, 1944-1993



1928-1939 e dal 1993


1944-1993
Stendardo del presidente della repubblica adottato con decreto presidenziale del 27 dicembre 1927 in vigore dal 27 marzo 1928. Rispetto al precedente erano cambiate le proporzioni del drappo (5/6), che era stato anche arricchito di una cornice ornamentale. Al centro l'aquila, dal disegno rinnovato nella forma e nei particolari (zampe bianche, corona di nuovo tipo), come appariva sullo stemma nazionale adottato contestualmente. Scomparsa con l'occupazione tedesca del settembre 1939, la bandiera tornò nel luglio 1944 con la nuova repubblica popolare; all'aquila però fu tolta la corona (decisione confermata ufficialmente solo il 7 dicembre 1955). Il 9 febbraio 1990 la corona tornò al suo posto, ma solo sullo stemma. Sulle bandiere fu ripristinata il 19 febbraio 1993.

Bibliografia
Flag Bull., 154, 1993 - Le Cabinet des drapeaux, 15, 1996


< ritorno a Polonia <



POLONIA - Bandiere di bompresso

© Roberto Breschi

Repubblica di Polonia, Polska, Rzeczpospolita Polska, 1919-1939
Repubblica Popolare Polacca, Polska Rzeczpospolita Ludowa, 1959-1993


Bandiera di bompresso introdotta il 1° agosto 1919. Scomparsa nel 1939 fu ripresa il 10 dicembre 1959. Modificata nel 1993. Proporzioni 5/6. La croce detta "cavalleresca" è antica prerogativa degli ufficiali polacchi. Essa adornava le armature e e appariva sui pennoni di lancia degli ussari nel secolo XVII. Il braccio destro armato di spada costituiva a partire dal secolo XVI il cimiero delle armi personali di molti ufficiali al servizio del re. Varie carte antiche (XVII-XVIII sec.) riportano il braccio su un vessillo rosso, bandiera questa piuttosto controversa non potendo essere, come indicano le carte, la "bandiera reale polacca".


Repubblica Popolare Polacca, Polska Rzeczpospolita Ludowa, 1946-1959



1946-?


1955-1959
Nel dopoguerra, durante il primo periodo della repubblica popolare, furono adottate due bandiere di bompresso, il cui impiego, almeno come tali, fu assai scarso se non addirittura nullo. La prima fu introdotta nel 1946. La croce cavalleresca è sostituita da quella "di Grunwald", un Ordine fondato nel 1943 per onorare i caduti nella lotta contro gli invasori della Polonia; di essa non si hanno ulteriori notizie. Il secondo jack, con lo stemma nazionale al centro, fu adottato con decreto del 7 dicembre 1955, ma non ci sono testimonianze del suo uso effettivo; in ogni caso il 10 dicembre 1959 fu ripristinata la bandiera di prima della guerra. Seppure non usata sul bompresso la bandiera non scomparve: a partire dal 1961 fu alzata per diversi anni sulle navi militari lungo costa, dalle scuole marittime e durante le cerimonie.


Repubblica di Polonia, Polska, Rzeczpospolita Polska, dal 1993



La bandiera di bompresso adottata con la legge del 19 febbraio 1993, entrata in vigore dal 30 aprile successivo e tuttora vigente, non è altro che la bandiera fino ad allora in uso con l'emblema modificato. Il braccio destro che impugna la spada è ora rivestito da un'armatura. Oscure le motivazioni di tale cambiamento.

Bibliografia
Flag Bull., 154, 1993


< ritorno a Polonia <