CEUTA
© Roberto Breschi
Sommario. Città di origine romana sulla costa settentrionale del Marocco, fu presa dal Portogallo agli arabi nel 1415. Passata  insieme alla stessa madrepatria alla Spagna (1580), restò a quest'ultima anche quando il Portogallo riacquistò l'indipendenza nel 1640. A seguito di intense manifestazioni autonomiste ha ottenuto nel 1995 dal governo spagnolo uno statuto di autonomia.


Città Autonoma di Ceuta, Ciudad Autónoma de Ceuta, dal 1995






Bandiera adottata con lo statuto di autonomia previsto dalla legge del 13 marzo 1995. Il disegno ricorda molto da vicino il periodo portoghese. Il vessillo gheronato bianco e nero, uno dei più antichi d'Europa, è noto infatti come bandiera di San Vincenzo o di Lisbona. Lo scudo al centro è strettamente derivato da quello portoghese (differisce per la corona e per la disposizione dei castelli). Nel caso di Ceuta i sette castelli sono talvolta interpretati come Septem fratres, antico nome della città, che si riferiva ai sette colli su cui sorge Ceuta e da cui deriva il nome attuale. La bandiera è comunemente usata anche senza lo scudo.


> SPAGNA

Bibliografia
Internet, sito ufficiale della città autonoma.


> Indice Africa >                 > Indice Europa >                 >> Indice generale >>





MELILLA
© Roberto Breschi
Sommario. L'antica Malila degli arabi fu conquistata dagli spagnoli nel 1496. Spesso attaccata dai berberi del Rif restò tuttavia sempre unita alla Spagna. Con l'indipendenza del Marocco, costituì insieme a Ceuta e ad alcune piccole isole, una delle Plazas de soberanía en el Norte de Africa. Dal 1995 ha uno statuto di autonomia.


Città Autonoma di Melilla, Ciudad Autónoma de Melilla, dal 1995




Bandiera adottata dalle legge statutaria del 13 marzo 1995. Lo scudo al centro, affiancato dalle colonne d'Ercole, deriva da quello della nobile famiglia andalusa Pérez de Guzmán. Entro una cornice composta dalle armi di Castiglia e Leon, figurano due ceste piene di serpenti; in cimiero la figura armata di daga di Guzmán il Buono e un nastro con un motto Preferre patriam liberis parentem decet che significa all'incirca "ai figli conviene anteporre la patria al padre". Ai piedi dello scudo un drago che ricorda l'impresa leggendaria del fondatore della dinastia Guzmán che liberò da tale mostro le terre del sultano di Fez.


> SPAGNA

Bibliografia
Internet, sito ufficiale della città autonoma.


> Indice Africa >                 > Indice Europa >                 >> Indice generale >>





CANARIE
© Roberto Breschi
Sommario. L'arcipelago delle Canarie, sette isole davanti alla costa atlantica del Marocco, noto fin dall'antichità, fu "riscoperto" per conto dei portoghesi nel 1336 dal genovese Lancellotto Malocello (che dette il nome all'isola di Lanzarote). Nel 1479 il trattato di Alcaçovas riconobbe la sovranità castigliana sulle isole. Vari movimenti nazionalisti e indipendentisti si formarono fin dall'inizio del XX secolo e furono particolarmente attivi tra il 1950 e il 1980. Lo statuto della Comunità del 1982 prevede larga autonomia per l'arcipelago.


Isole Canarie, Comunità Autonoma delle Canarie,
 Islas Canarias, Comunidad Autónoma de Canarias, dal 1961


 
Bandiera creata nel 1961 dai fratelli Sarmiento e dalla loro madre, membri del movimento indipendentista Canarias Libres; confermata nella legalità il 16 agosto 1982 dallo statuto di autonomia. Proporzioni 2/3. Fino al 1982 fu spesso impropriamente modificata soprattutto con l'aggiunta di sette stelle (tante quante le isole) verdi o rosse o nere sulla striscia centrale. I colori non hanno un significato particolare ma sono ripresi da quelli delle due vecchie bandiere di matricola riservate ai porti delle Canarie e risalenti alla metà del XIX secolo.






È ufficialmente consentito porre al centro della bandiere lo stemma della comunità autonoma, che raffigura le sette isole che compongono l'arcipelago in campo azzurro. Lo scudo risale alla metà del XVII secolo ma all'epoca le isole erano rappresentate in mappa su un mare ondoso. La raffigurazione di profilo è posteriore di circa un secolo (1762). Su una pubblicazione del 1772 lo stemma acquisisce finalmente tutti gli attributi attuali, compreso il cartiglio con il motto "oceano" e i due cani come tenenti, in riferimento all'ipotetica etimologia del nome dell'arcipelago.


> SPAGNA

Bibliografia
Flagmaster, 3, 1972 - Flag Bull., XI,3, 1972 - Banderas, 16, 1985 et al. - J.M. Erbez, Banderas de Canarias, Internet


> Indice Africa >                 > Indice Europa >                >> Indice generale >>